Chiaroscuro

April 26, 2016

 

Quando sentiamo parlare di chiaroscuro le nostre menti vengono immediatamente riportate al nome di Caravaggio.

Caravaggio è stato il maestro indiscusso del chiaroscuro forte.

 

Ombre nette e luci accese, danno una forte drammaticità alla sua opera dal forte impatto emotivo.

Le moderne macchine fotografiche consentono un controllo dell'esposizione piuttosto sofisticato e non di rado si osservano foto che richiamano questa tecnica del forte contrasto.

Ansel Adams ha diviso la scala tonale in 10 zone dal nero puro fino al bianco.

Chi si cimenta nel creare fotografie fortemente contrastate  non fa altro che includere nella composizione zone estremamente buie e zone estremamente luminose.

Per qualcuno potrebbe essere un argomento ostico, infatti mi riprometto di darvi qualche informazione riguardo i toni nel prossimo articolo.

Quando vi trovate di fronte ad una fotografia dai toni bassi e da una scarsa luminosità generale vi trovate di fronte ad una foto detta in "chiave bassa", al contrario se i toni predominanti e la luminosità sono chiari, allora siete davanti a una foto in "chiave alta".

Cosa determina una foto in chiave alta o bassa?

Gli elementi caratterizzanti sono sostanzialmente tre: il tipo di soggetto raffigurato, il tipo di illuminazione presente, lo stile del fotografo.

Sono tutti fattori estremamente decisivi , Ma anche grazie Photoshop, il terzo è diventato molto importante. La prossima volta parleremo di valori tonali e di istogramma, quel grafico sconosciuto che trovate sul display della vostra macchina fotografica.

Un caro saluto e alla prossima

Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

April 17, 2019

December 9, 2016

December 5, 2016

November 24, 2016

November 7, 2016

Please reload

Archivio