La foto che non ho scattato

February 8, 2017

La fotografia più bella della festa di Sant'Agata e quella che non ho fatto.

Catania, i primi di febbraio ha un'aria così unica, particolarmente festosa e suggestiva, che riesce ad evocare diversi continenti in un unico spazio.

Sulle feste Agatine hanno scritto centinaia di libri e scattato miliardi di fotografie, ma ci sono talmente tante sfumature durante queste giornate che l'imbarazzo della scelta sui punti di vista da considerare regna sovrano.

Catania è invasa da “cittadini”, da pellegrini, dai devoti, dagli ambulanti, da giovani, bambini, anziani e turisti sbalorditi.

 

Descrivere l'atmosfera che si respira è davvero difficile, sono giorni di festeggiamenti, di tradizione, di folklore, di culto; si sta in bilico costante tra sacro e profano.

La popolarità della festa per la patrona della città è risaputo, è la terza nel mondo, dopo la settimana Santa di Siviglia e la festa del corpus Domini in Perù, in tre giorni si contano centinaia e centinaia di migliaia di persone che percorrono le strade della città.

A viverla da profani mette in luce infinite sfaccettature simpatiche e curiose: fanno festa i devoti, chi lo è per davvero e chi invece sembra indossare il “sacco” come fosse un vestito di carnevale, fanno festa coloro che vendono i ceri e chi vende fuochi pirotecnici, quintali e tonnellate di cera vengono donati alla santuzza, mentre di giorno e notte se non guardi il cielo sembra di stare sotto i bombardamenti della terza guerra mondiale.

Festeggiano i venditori ambulanti di calia, semenza, frutta, carne, panini, trombette e palloncini... Sembra che la gente si impossessi della propria città ed è nei quartieri più popolari che “l'essenza” del sud si sente ancora più forte. Le case si addobbano a festa, si illuminano i balconi e si sta tutti fuori ad attendere “Lei” che accompagnata da migliaia di fedeli cammina per la strade della sua città. I devoti stanchi ma felici stanno tutti vicini, tengono con i loro guantini bianchi, le grandi corde e ondeggiano uno attaccato all'altro come fossero un'onda unica, altri devoti fanno ballare le candelore, sono uomini vissuti dove fatica, sforzo e fierezza si concentrano nella loro espressione nel momento in cui sollevano oltre 600 kili di peso.

Nella notte la città sembra ancora più magica, ed è la sera del 5, in cui sembra che il tempo si fermi, quando i devoti con i loro grandi ceri iniziano le loro litanie e il fumo delle loro grosse candele si alza verso l'alto, sembra di tornare al periodo medievale.

La fotografia più bella è quella che non ho fatto, ha prevalso stupore e rispetto. Unica nota dolente, dall'amaro in bocca è l'atteggiamento invadente e irrispettoso di alcuni fotografi o presunti tali.

La noncuranza da parte di coloro che avevano un attrezzatura fotografica o un telefonino o qualsiasi dispositivo è veramente triste e squallida, la perfetta sintesi di una società dal like facile.

Ecco perché la fotografia più bella io non l'ho scattata. La magia di Sant'Agata, né parole nè immagini possono donarla: bisogna viverla per comprenderla e non dimenticarla più.

Viva Sant' Agata, qui si diventa tutti devoti tutti.

 

Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

April 17, 2019

December 9, 2016

December 5, 2016

November 24, 2016

November 7, 2016

Please reload

Archivio